Go to Top

PREGHIERE

Preghiere

SE MI AMI NON PIANGERE

Non piangere per la mia dipartita. Ascolta questo messaggio. Se tu conoscessi il mistero immenso del cielo dove ora vivo; se tu potessi vedere e sentire ciò che io vedo e sento in questi orizzonti senza fine, e in quella luce che tutto investe e penetra, non piangeresti. Sono ormai assorbito dall’incanto di Dio, dalla sua sconfinata bellezza. Le cose di un tempo sono così piccole e meschine al confronto. Mi è rimasto l’affetto per te, una tenerezza che non hai mai conosciuto. Ci siamo visti e amati nel tempo: ma tutto era allora fugace e limitato. Ora vivo nella speranza e nella gioiosa attesa del tuo arrivo fra noi. Tu pensami così. Nelle tue battaglie, orientati a questa meravigliosa casa dove non esiste la morte e dove ci disseteremo insieme, nell’anelito più puro e più intenso, alla fonte inestin­guibile della gioia e dell’amore. Non piangere, se veramente mi ami. (S. Agostino.)

OFFERTA DELLA SANTA MESSA PER LE ANIME PURGANTI

Eterno Padre, rammentatevi che con infinito amore il Vostro Unigenito Figlio ha istituito il Santo Sacrificio della San­ta Messa non solo per i vivi, ma anche per i Defunti. Perciò io vi offro questo sacrificio d’Amore per l’anima di… e per tutte quelle che hanno più bisogno di soccorso, acciocchè Voi, Dio d’infinita bontà, vogliate raddolcire le loro pene e concedere presto ad esse la liberazione dal Purgatorio. Deh, accogliete, o gran Padre delle mi­sericordie, i meriti della Vittima Divina che su questo Altare s’immola; accogliete le potentissime preghiere del Vostro Di­vin Figliuolo, ed anche le mie povere preghiere, e presto liberate dalle loro acerbissime pene le Anime Sante, del Purgatorio. Così sia.

PER I FRATELLI E PER LE SORELLE

Amabilissimo mio Signore Gesù Cristo, che della fraterna carità, di cui presen­taste in Voi stesso il più perfetto mo­dello, avete fatto il primo dovere ed il primo distintivo di tutti i Vostri disce­poli, liberate dalle pene che soffrono, e chiamate al possesso della Vostra Gloria i nostri fratelli e le nostre sorelle. Voi, che Vi degnaste di diventare il nostro fratello maggiore prendendo la nostra stessa carne, ed elevandoci alla dignità di figli del Vostro Eterno Padre, non permettete che siano a lungo da Voi divisi questi minori fratelli, che con ge­miti inenarrabili Vi domandano pietà. Con i meriti infiniti della Vostra Pas­sione e della Vostra Morte avvalorate per tal modo le nostre preghiere, le nostre buone opere, i nostri patimenti, che ser­vano a scontare tutti i debiti che hanno ancora con la Vostra Giustizia. Giunti poi che saranno al possesso del Paradiso, esaudite le preghiere che porgeranno per la nostra salute al trono della Vostra mi­sericordia; affinchè possiamo godere per­petuamente della loro compagnia nella gloria, dopo avere emulata la loro rasse­gnazione e tutte le loro virtù in questa misera vita. Tre Eterno riposo…

PER IL PADRE O LA MADRE DEFUNTI

O Signore, che ci avete comandato di onorare il padre e la madre, Vi muova a pietà il lacrimevole stato dell’anima di mio padre (o mia madre), che forse de­solatissima geme nel Purgatorio; rimettetele ogni suo fallo e introducetela pre­sto nella gloria del Cielo. Me pure aiutate perchè possa ritrovar­la nella chiarezza del gaudio Eterno. Ve ne prego per i meriti infiniti di Gesù Cristo Signor Nostro. Tre Eterno riposo…

PER IL PROPRIO MARITO O PER LA PROPRIA MOGLIE

Dio di tutte le virtù, che sollevando alla dignità di Sacramento il matrimo­nio, avete insegnato a tutti i coniugi ad amarsi vicendevolmente con una carità simile a quella che lega Voi alla Vostra Sposa la Santa Chiesa, quindi a non ces­sare giammai di procurarsi reciproca­mente il vero bene; degnatevi di esaudire le preghiere che io Vi porgo per l’anima di quel (o di quella) consorte, che Voi medesimo mi avete dato a sollievo delle pene di questa misera vita, e che Voi stesso richiamaste al Vostro Seno, per insegnarmi a mettere in Voi solo la mia speranza e la mia contentezza. Ricevete in isconto dei suoi debiti, con­tratti forse per causa mia, quel poco bene che faccio in suo suffragio e che intendo di unire ai meriti di tutti i Santi, a quelli di Maria SS., ma più di tutto ai meriti infiniti di Gesù Cristo, per liberarla al più presto possibile dalle fiamme ardenti del Purgatorio e farla volare al possesso dei gaudi eterni del Cielo. Sì, accogliete tra le Vostre braccia quell’Anima benedetta; ed ascoltando la preghiera che es­sa vi fa in mio favore, fate che io viva così santamente da meritarmi di essere a lei riunito per tutta l’eternità nella Gloria. tre Eterno riposo…

PER I PARENTI E BENEFATTORI

O Signore, che vi compiacete di con­cedere facilmente e volentieri il perdono e che amate la salvezza del peccatore, volgete uno sguardo di misericordia alle Anime dei miei parenti, amici, benefat­tori; e per i meriti di Gesù Cristo, che per noi s’immola in questo Santo Sacri­ficio, per la ineffabile materna bontà di Maria, per l’intercessione di S. Giuseppe, degli Angeli, dei Santi tutti del Cielo, fate che presto si allietino nella eterna gloria del Paradiso. Eterno riposo…

PREGHIERA A GESÙ CROCIFISSO

Eccomi, o mio amato e buon Gesù, che alla santissima Vostra presenza prostrato, Vi prego col fervore più vivo del mio spirito a stampare nel mio cuore senti­menti di fede, di speranza, di carità, di dolore dei miei peccati e di proponimento di non più offenderVi, mentre io con tut­to l’amore e con tutta la compassione vado considerando le vostre cinque pia­ghe, cominciando da ciò che disse di Voi il Santo Profeta Davide: “hanno forato le mie mani ed i miei piedi, hanno con­tato tutte le mie ossa”. Pater, Ave, Gloria A tutti coloro che hanno recitato la suddetta preghiera dinanzi ad una imma­gine di Gesù Crocifisso, indulgenza Plenaria se confessati e comu­nicati hanno pregato secondo l’intenzione del Sommo Pontefice. S. C. Ind. 31 Luglio 1858; S. P. Ap., 2 Febbraio 1934.

OSSEQUIO ALLE CINQUE PIAGHE DI N.S. GESÙ CRISTO IN SUFFRAGIO DEI DEFUNTI

Vi offriamo, o Eterno Padre, Padre delle misericordie, per quelle Anime tan­to a Voi care del Purgatorio, il Sangue preziosissimo uscito dal piede sinistro tra­fitto di Gesù Vostro Figlio, nostro Sal­vatore, e il dolore di Maria, Sua Madre amatissima, presente sul Calvario a que­sta trafittura. Pater, Ave, Eterno riposo. Vi offriamo o Eterno Padre, Padre del­le misericordie, per quelle Anime tanto a Voi care del Purgatorio, il Sangue pre­ziosissimo uscito dal piede destro trafitto di Gesù Vostro Figlio nostro Salvatore, e il dolore di Maria, Sua Madre affettuosissima, presente sul Calvario a questa trafittura. Pater, Ave, Eterno riposo. Vi offriamo o Eterno Padre, Padre del­le misericordie, per quelle Anime tanto a Voi care del Purgatorio, il Sangue pre­ziosissimo uscito dalla mano sinistra pia­gata dì Gesù Vostro Figliuolo, e il dolore di Maria Sua Madre carissima, spettatrice sul Calvario di questa piaga. Pater, Ave, Eterno riposo. Vi offriamo o Eterno Padre, Padre del­le misericordie, per quelle Anime tanto a Voi care del Purgatorio, il Sangue pre­ziosissimo uscito dalla mano destra pia­gata di Gesù Vostro Figlio, nostro Salva­tore, e il dolore di Maria, Sua Madre di­lettissima, spettatrice sul Calvario di que­sta piaga. Pater, Ave, Eterno riposo. Vi offriamo, o Eterno Divin Padre, Padre delle misericordie, per quelle Ani­me tanto a Voi care del Purgatorio, il Sangue preziosissimo e l’acqua uscita dal­l’aperto Costato di Gesù Vostro Figlio, Nostro Salvatore, e il dolore di Maria, Sua Madre amorosissima, presente sul Calvario a questa apertura. Pater, Ave, Eo riposo.

DE PROFUNDIS

Dal profondo a Te grido, o Signore; Signore, ascolta la mia voce. Siano i tuoi orecchi attenti alla voce della mia preghiera. Se consideri le colpe, Signore, Signore, chi potrà sussistere? Ma presso di te è il perdono: perciò avremo il tuo timore. Io spero nel Signore, l’anima mia spera nella tua parola. L’anima mia attende il Signore più che le sentinelle l’aurora. Israele attenda il Signore, perché presso il Signore è la misericordia e grande presso di lui la redenzione. Egli redimerà Israele da tutte le sue colpe.

Servizio attivo 24 ore su 24, 365 giorni all’anno

Un nostro responsabile vi raggiungerà celermente ovunque voi siate, anche di notte

Siamo in Via L. Prato n.1 a LECCE. Tel. 0832.302985 - 328.53 64 384 - 337.83 50 58 -
Fax 0832.25 21 76 - saleslecce@gmail.com

UA-50527347-1